Dopo i 30 anni di età ogni giorno si perdono alcuni neuroni, cellule fondamentali del tessuto nervoso che colgono, trasmettono ed elaborano informazioni all’interno del corpo umano in maniera rapida.

Questo processo porta alcune ripercussioni su memoria e concentrazione.

Come fare, quindi, a mantenere il cervello attivo e in salute?

1. Alimentazione corretta

Ci sono alcuni cibi denominati “brain-friendly”, ossia veri e propri alleati per il cervello. Ne sono un esempio gli alimenti contenenti Omega 3 e 6, proteine, vitamine C, E, B.

Anche gli zuccheri sono molto importanti.

È necessario che il sangue contenga tra i 70 e i 120 milligrammi ogni millilitro di glucosio, pertanto, non è consigliabile eliminarlo completamente dall’alimentazione. È invece opportuno inserirlo nell’arco della giornata ad intervalli regolari”.

Bisognerebbe inoltre assumere prima le proteine (carne e verdure) e i carboidrati a fine pasto (frutta o dolce), per facilitare il trasporto degli amminoacidi ed evitare quella sensazione di sonnolenza tipica del dopo-pasto.

2. Attività sportiva

Secondo una ricerca del Journal of Internal Medicine, l’esercizio fisico è in grado di ridurre il declino cognitivo di oltre un terzo.

È indicato combinare più tipi di esercizi, in modo da mantenere alta la concentrazione e non cadere nelle routine, abbandonando le buone abitudini.

Sicuramente una passeggiata di 30 minuti al giorno potrebbe essere un buon inizio, ma è necessario scegliere una o più attività fisiche stimolanti e piacevoli che siano fonte di gioia e non di noia.

3. Divertimento

“Ridere fa bene alla salute” non è solo un modo di dire.

Secondo alcuni studi scientifici, una risata sincera e spontanea nutre il cervello liberando sostanze che svolgono una funzione benefica sul sistema immunitario e sul tono dell’umore.

In questo modo, si elimina lo stress e aiutano a prevenire attacchi di panico, depressione, ansia e malattie cardiovascolari.

4. Brain training

Ricorderai sicuramente nel lontano 2004 dr. Dr. Kawashima, protagonista virtuale del primo gioco di allenamento per il cervello firmato Nintendo DS.

Il software metteva alla prova, con una serie di giochi mirati, la longevità del tuo cervello. Con un allenamento costante si ottenevano buoni risultati: il cervello reagiva più rapidamente agli stimoli, i giochi proposti diventavano sempre più facili nonostante l’aumento del livello di difficoltà.

Su questa scia sono state create numerose app, comodamente scaricabili sul proprio smartphone e di facilissima consultazione.

Puoi giocarci mentre sei alla fermata del pullman, durante il tragitto in metro, o in pausa pranzo.

Fatto sta che, un allenamento costante con giochi che stimolano l’intelletto è cruciale per mantenere in forma il cervello.

5. Integratori alimentari

MvM Pharma Europe mette a disposizione integratori alimentari, completamente naturali, per diverse esigenze:

Per il recupero del benessere psico-fisico
Contro lo stress e lo stallo metabolico

Energizzante